Biografie Audizioni Contatti


Biografia

Uno dei gruppi pop pi¨ affermati nella seconda metÓ degli anni '60 in Italia, Ŕ stato il gruppo dei "Camaleonti": cinque ragazzi tutti di estrzione diversa e provenienti da varie regioni, ma a Milano uniti da una grande passione per la musica. Gli inizi sono stati secondo copione: tantissimo lavoro in balere, night-club, dancing, come si usava in quegli anni quando la figura del disk-jockey non era stata ancora inventata. Il loro repertorio comprendeva, allora, shake, twist, rock 'n roll per i pi¨ giovani, ma anche mazurke, tanghi, canzoni melodiche per un pubblico pi¨ maturo. Proprio per questo eclettismo e per questa capacitÓ di passare da un genere musicale ad un altro, i cinque ragazzi decisero di chiamarsi "Camaleonti". Nato nel 1962, il gruppo, agli inizi era fortemente influenzato dal beat inglese, tanto che il primo successo discografico Ŕ stato un ritmatissimo "shake" SHA-LA-LA che vendette 400.000 copie, subito seguito da una canzone pi¨ melodica, ma altrettanto fortunata, PORTAMI TANTE ROSE. Nel 1966 portarono al loro primo Cantagiro la canzone CHIEDI CHIEDI.


Nel 1967 ci fu la colossale affermazione con L'ORA DELL'AMORE, che supera 1.590.000 copie vendute, rimanendo in classifica per molte settimane.Poi ancora IO PER LEI, un successo del Cantagiro del 1968 e un'altra affermazione clamorosa con la suggestiva APPLAUSI, che supera il milione di copie. Negli anni seguenti, la felice vena dei Camaleonti prosegue confermando il valore del gruppo e la sua popolaritÓ attraverso altri fortunati 45 giri come VISO D'ANGELO e MAMMA MIA (scritta da Mogol e Battisti) entrambi del 1969. Nel 1970 partecipano al loro primo Festival di Sanremo, in coppia con 0rnella Vanoni, con la canzone ETERNITA' piazzandosi al quarto posto. Nello stesso anno partecipano a Canzonissima con AMICIZIA E AMORE, arrivando alla finalissima del 6 Gennaio e pubblicano un Album con lo stesso titolo. Nel 1971 incidono ancora il bellissimo brano OGGI IL CIELO E' ROSA e una canzone di Mario Lavezzi, TI AMO DA UN'ORA, il quale aveva militato nel gruppo fin dai primi anni.
Nel 1972 pubblicano una canzone lunghissima per quegli anni: la stupenda LEI MI DARA' UN BAMBINO, ancora oggi richiestissima nei concerti, la quale, forse per il tema trattato nel testo, fu boicottata dalla Rai. In quello stesso anno incisero TEMPO D' INVERNO, dove nel testo si affronta il problema della coppia. Nel 1973 partecipano al loro secondo Sanremo con la canzone COME SEI BELLA, e al Disco per l'Estate dello stesso anno si classificarono al primo posto con PERCHE' TI AMO.



Nel 1973, incidono la canzone IL CAMPO DELLE FRAGOLE, e nel 1974 ancora al Disco per l'Estate con PICCOLA VENERE. Nel 1976 tornano al Festival di Sanremo con CUORE DI VETRO, e realizzano un interessante album: CHE AEREO STUPENDO, LA SPERANZA e verso la fine di quell'anno fondano una propria etichetta discografica insieme a Detto Mariano, che aveva curato gli arrangiamenti dei loro maggiori successi. Nel 1978, con la loro etichetta, pubblicano il primo singolo TRA AMICI e l'album CAMALEONTI IN VENDITA. Verso la fine del 1978, i Camaleonti entrano nel cast musicale della Durium, e la prima pubblicazione, CANTO D'AMORE STRANIERO, suscita reazioni molto incoraggianti, tanto che al Festival di Sanremo del 1979 presentano un brano di M. Lavezzi, QUELL'ATTIMO IN PIU', che vale loro la conquista del terzo posto. . Nello stesso anno pubblicano un altro album: E CAMMINIAMO, da cui viene tratto un singolo con lo stesso titolo.
In seguito cambiano etichetta e nel 1982 contribuiscono alla realizzazione della colonna sonora del film IL TANGO DELLA GELOSIA con Monica Vitti e partecipano al Disco per l'Estate con il singolo ITALIAN BOYS I Camaleonti attraversano a questo punto un periodo di riflessione e di ricerca. La popolare formazione milanese, dagli inizi, ha cambiato diversi elementi, ma Livio, Tonino e Paolo sono rimasti le "colonne" del gruppo stesso. Frutto di un'interessante collaborazione con Dario Baldan Bembo nasce nel 1984 CUORE NEROAZZURRO, il nuovo inno ufficiale dell'Inter, che al di lÓ dei contenuti esclusivamente sportivi, si impone anche per una sua validitÓ artistica, felice esempio di come si possa combinare lo sport con la musica, ottenendo risultati di un certo livello. Nel frattempo, il gruppo, che partecipa a numerose trasmissioni televisive, intende mantenere saldo il proprio legame con i primi "fans" e farsi conoscere dai nuovi.

Nel 1986 i Camaleonti incidono SOLI NOI, un brano d'atmosfera molto suggestivo che tratta l'amore con un linguaggio rarefatto, magicamente sospeso fra realtÓ e sogno. A questo punto per completare la loro discografia, si aggiungono due raccolte di successi, tappa obbligata per un gruppo che sull'onda del revival sta vivendo una seconda giovinezza. Tra gli anni 1988 e 1991, i Camaleonti partecipano ai programmi di Canale 5: Vent'anný dopo, Una rotonda sul mare e vincono l'edizione 1990 di C'era una volta il Festival, ancora con la canzone PERCHE' TI AMO. Nel 1993 partecipano di nuovo al Festival di Sanremo insieme ai Dik-Dik e Maurizio Vandelli (ex Equipe 84) presentando la bellissima canzone COME PASSA IL TEMPO, che, pur non arrivando alla finale, ha avuto un riscontro notevole con il pubblico. Nella primavera del 1997 hanno partecipato, come cast fisso, alla trasmissione di Canale 5, condotta da Paolo Bonolis, IL GATTO E LA VOLPE. Altre sorprese, per ora solo in embrione, consentiranno al pubblico di apprezzare ulteriormente il talento e l'eclettismo dei Camaleonti, che durante la loro lunga carriera hanno venduto qualcosa come 20.000.000 di dischi e sono stati premiati, tra l'altro, con quattro dischý d'oro, due Maschere d'argento, un Ambrogino d'oro (direttamente dal sindaco di Milano) e un Diapason d'oro.




Nota: Le foto presenti su MusicalStore.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail webmaster@musicalstore.it, che provvederÓ prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.